Il miele di montagna dà un ottimo liquore


Di facile preparazione, è già pronto dopo qualche giorno

Ecco una maniera originale di utilizzare un prodotto molto diffuso in montagna: gli apicoltori bellunesi producono molti tipi di miele autoctono.

Non tutti sanno, però, che il prezioso oro delle api si può utilizzare anche per confezionare un liquore: il liquore, appunto, al miele.

Occorrono un litro di alcool a 50, una arancia, 600 grammi di miele, tre chiodi di garofano, due bastoncini di cannella, un limone.

Sbucciare arancia e limone, avendo cura di togliere la parte bianca: tagliarli a striscioline dopo averli lavati e versarli in un vaso.

Aggiungere tutto l'alcool, chiudere ermeticamente e lasciare in infusione per una quindicina di giorni in luogo fresco e buio.

Dopo questo tempo, disporre il miele in una terrina e farlo sciogliere in 600 grammi d'acqua tiepida, mescolando bene. Aggiungere, quindi, pian piano l'alcool usato per l'infusione. Aromatizzare con la cannella e i chiodi di garofano. Mescolare con cura e poi trasferire il composto in un vaso.

Chiudere e lasciare ancora in infusione per 4 giorni: nei primi due agitare il vaso un paio di volte al giorno.

Trascorsi i 4 giorni filtrare il composto usando un colino a maglia finissima. Travasare in bottiglie di vetro, tappare bene.

Si può servire anche dopo qualche giorno.